Clean Cotton: il classico profumo di pulito

“Cotone asciugato al sole, con note verdi e fiori bianchi, e un accenno di limone”

CATEGORIA: FRESH

NOTE DI TESTA: ozono, verdure a foglia verde, bergamotto;

NOTE DI CUORE: mughetto, rosa;

NOTE DI FONDO: vetiver, cedro, muschio, note legnose;

La potete acquistare qui

61RxtSaRCeL._SL1330_

Eccoci giunti alla recensione di un grande classico, forse la Yankee Candle per eccellenza. Probabilmente, assieme alla “Vanilla Cupcake“, la candela che il grande pubblico associa più facilmente al marchio “Yankee Candle”. 

“Clean Cotton”, ovvero cotone pulito, sa effettivamente di biancheria lavata e ancora non del tutto asciugata dal sole. Per intenderci: è l’odore del cotone uscito dalla lavatrice e pronto per essere steso all’aria aperta. Volendo analizzare le note olfattive, possiamo distinguere il bergamotto tra le note di testa e l’ozono, o note ozonate, che è una componente in grado di donare ariosità a una fragranza. Tra le note di cuore è ben distinguibile il mughetto che va ad accentuare questa sensazione, estremamente fedele, di bucato pulito. Il muschio, tra le note di fondo, coopera alla creazione di questa sensazione di pulito. Una considerazione sul cedro presente nelle note di fondo: spessissimo lo troviamo come componente tra le note di molte fragranze, anche della stessa Yankee Candle. Credo però che qui non si tratti di legno di cedro, bensì di cedro vero e proprio, di cedro frutto insomma; è quest’ultimo che dona questa caratteristica “saponosa” alla profumazione, che nella descrizione viene presentata come “accenno di limone”. 

L‘intensità è:

  • alta;
  • la persistenza medio-alta;
  • lo scent throw alto;

Ci si sente un po’ piccoli a recensire un mostro sacro delle candele profumate, ma ogni fragranza deve essere accolta (almeno inizialmente) alla stessa maniera: imparzialità, spirito critico e qualche considerazione finale del tutto personale. Ci sono persone che addirittura “odiano” (come se fosse possibile odiare una candela!) questa profumazione, poiché, a parer loro, non è un vero e proprio profumo, ma è solo odore di detersivo o di biancheria lavata. Ebbene, personalmente, credo che questa candela vada intesa non come profumo ma come “ricreatrice di una sensazione”, ovvero, la sensazione di biancheria appena lavata. 

La cosa strana, e bella, è che questa fragranza produce, in me, ricordi: i ricordi di tempi passati, di quando da piccolini assistevamo, magari un po’ meravigliati, la nostra mamma o le nostre nonne stendere il bucato appena lavato in lavatrice o a mano. Erano tempi in cui i detersivi “sapevano di detersivo” e non esisteva ancora la sfiancante moda delle diverse decine di profumazioni per una sola marca di detergente, dai fiori più esotici e sconosciuti, fino agli aromi più improbabili… No, questa candela profuma di tempi forse più semplici, di quando il bucato aveva il classico profumo di pulito. 

VOTO: 8,5/10

Pubblicità

3 pensieri riguardo “Clean Cotton: il classico profumo di pulito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...