Bayberry: maschile e nostalgica

“Una nostalgica miscela di pino e sempreverdi con note speziate di chiodi di garofano e di eucalipto”

CATEGORIA: FESTIVE

NOTE DI TESTA: morella cerifera, citronella, scorza d’arancia;

NOTE DI CUORE: bacca di ginepro, pino;

NOTE DI FONDO: balsamo di eucalipto;

yankee-candle-returning-cassic-bayberry

Fragranza originaria degli anni ’70 riproposta come limited edition (solo giara grande), con la label celebrativa, per la collezione “50th Anniversary” della Yankee Candle. Nei suoi primi anni di attività la Yankee Candle era solita commercializzare “Bayberry” anche nel formato di candela lunga da candelabro. Ecco una foto (perdonate la bassa qualità):

1303675

Si dice che accendere una candela di bayberry, ovvero tamarisco, alla vigilia di Natale e/o al 31 dicembre porti fortuna e ricchezza…nel dubbio, se l’avete acquistata, ricordatevi di accenderla, non si sa mai!

Prima di averla tra le mie mani credetti che “Bayberry” fosse una candela erbettosa, verde come il colore della sua cera, invece, sia da spenta che da accesa, si conferma essere una fragranza maschile dai toni erbacei. Mi ha ricordato molto quei dopobarba al pino silvestre seppur restando meno pinosa, più smorzata ed effettivamente, come dichiarato dalla Yankee Candle, nostalgica. E’ una profumazione più post-festiva che festiva e, anzi, credo che possa essere adatta in ogni periodo dell’anno visto il suo carattere genericamente maschile e lievemente spento. Per quanto riguarda le note olfattive, posso affermare di non distinguere affatto le note di testa (non conosco il profumo della morella cerifera); le note olfattive di cuore si percepiscono benissimo, anche se la bacca di ginepro in misura maggiore rispetto al pino, mentre ho faticato parecchio ad annusare il balsamo di eucalipto e ancora adesso non sono sicuro di averlo inquadrato. Una certa terrosità  e cupezza derivante dai chiodi di garofano è facilmente percepibile anche se essi non vengono menzionati nelle note olfattive. 

Aldilà della profumazione in sé (che può piacere o meno), “Bayberry” presenta purtroppo una spiccata fiacchezza. La si sente nell’aria ma come abbellimento, come orpello superfluo al limite del percettibile e non come mera presenza. L’intensità è stata:

  • scarsa-mediocre;
  • la persistenza mediocre-buona;
  • lo scent throw scarso-mediocre;

Questa giara resterà sicuramente accesa durante la vigilia di Natale e di Capodanno e dato il suo profumo gentile (o timido!), sono certo non procurerà fastidio a nessun ospite. 

Bayberry” è una buona fragranza, qualcosa di onestamente godibile e per alcuni versi è anche una profumazione maschile raffinata, però effettivamente mi aspettavo qualcosa in più da questa vecchia gloria del passato…maggiore presenza! 

VOTO: 6,5/10

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...