Crisp Campfire Apples: mele, spezie e bosco

“Il profumo che ricorda mele appena raccolte che cuociono sul fuoco nella fresca brezza della sera”

 

NOTE DI TESTA: mela, chiodo di garofano, foglia di mandarino;

NOTE DI CUORE: bastoncino di cannella, foglie di quercia;

NOTE DI FONDO: fava Tonka, legni biondi;

crisp-campfire-apples-candela-in-giara-piccola-yankee-candle

Acquistabile qui

Fragranza presentata nella collezione autunnale “Campfire Nights” nel 2020. 

Autunno…fragranza alle mele…insomma la solita riproposizione di mele della Yankee Candle per l’autunno. In parte si, ma “Crisp Campfire Apples” ha anche tanto altro al suo interno, basta volerlo annusare. Nei primi minuti di accensione sembra quasi ci sia stato un errore di produzione: le mele ci sono ma sono molto in fondo, coperte da spezie molto potenti, e stranamente avvolte da un qualcosa di dolce che ricorda un po’ l’odore dello sciroppo d’acero. Fino a questo punto, quindi, una profumazione piuttosto banale ed incerta. Ma la magia arriva poco dopo. Piano piano la fragranza si apre, diviene più ariosa e anziché le spezie, si avvertono sentori boschivi davvero particolari. Si percepiscono i legni, l’odore di foglie di quercia (fantasticamente veritiero) e persino una punta verde fresca e amarognola che la mia mente associa alla foglia di mandarino. Quindi, per quanto riguarda le note olfattive, dapprima sono protagoniste la mela, una dolcezza forse non attribuibile soltanto alla fava Tonka, la cannella (molto secca) e il chiodo di garofano. Successivamente si passa alla parte che reputo migliore, quella boschiva, dalle note legnose, fresche e originali. Senza queste ultime note olfattive “Crisp Campfire Apples” sarebbe stata l’ennesima candela alle mele soltanto più speziata. 

Usando 1/2 votivo tartizzato (equivalente ad una vecchia tart), l’intensità è stata:

  • media-alta, quindi piuttosto deludente vista la quantità di cera utilizzata e il carattere aggressivo della profumazione;
  • la persistenza media-alta;
  • lo scent throw buono;

Oltre ad un’altra insoddisfacente intensità (la Yankee Candle risparmia riducendo ulteriormente gli olii?), ho notato che la durata di “Crisp Campfire Apples” sia abbastanza sotto la media. Per queste ragioni perde mezzo punto. 

Crisp Campfire Apples” è una buona fragranza autunnale, resa nuova e particolare dalle note legnose e selvatiche, ma temo che la Yankee Candle, facente ormai parte di una immensa multinazionale, abbia perso il contatto con ciò che l’ha resa grande e famosa in tutto il mondo. La diminuzione della quantità di olii, e quindi dell’intensità, il rimpicciolimento delle etichette, una discontinuità sempre più allarmante nelle sue stesse linee di produzione (tart che vengono cambiate, aumentate di prezzo e prodotte in Vietnam, non disponibili per tutte le fragranze, melt cups altalenanti)… Insomma è evidente ormai che la Yankee Candle si sia trasformata nella versione economica di se stessa (vedi le linee economiche Home Inspirational et similia), solo con prezzi più alti. Un grande chapeau ai geni del marketing, oramai ex produttori di buone candele profumate!

VOTO: 7,5/10

Pubblicità

2 pensieri riguardo “Crisp Campfire Apples: mele, spezie e bosco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...